Leggi Contesto Attuale

In questi anni molti Triestini si sono riuniti in diverse associazioni e gruppi, denunciando al mondo intero questa anomalia chiamata “questione di Trieste”, nascosta dal Governo Italiano e Yugoslavo forse per risentimenti politici, culturali o sociali? Forse perchè a gestire il Territorio nuovo formato dopo la grande guerra faceva fare soldi ai Governi amministratori? Tutto molto probabile.

Tutto è partito da qui: Il 20 aprile 1983 Il Sig. Pietro Marchesich (padre del Giorgio attuale) aveva chiesto al Segretario Generale delle Nazioni Unite la nomina del Governatore del Territorio Libero di Trieste.

Nel 2011 nasce un movimento chiamato Trieste Libera ed un gruppo di “storici” Triestini si accorgono che i documenti esistono e sono veri, purtroppo in seguito nascono divergenze tra le associazioni e il “personalismo” dei Leader dei gruppi fa crollare la fiducia dei seguaci al possibile ripristino del loro diritto tolto dal 1947.

La grande divisione nasce con Roberto Giurastante che prende abusivamente in possesso la sede e chiude fuori alla porta amici storici come Vito Potenza, Stefano Ferluga, Adriano Ciacchi, etc… Ecco che dalla separazione imposta nasce il Territorio Libero ed altri gruppi.

Ecco che il 3 settembre 2016 si riuniscono tre gruppi fra i cinque o sei più noti e si forma l’Atto Costitutivo denominato “Congress”, in seguito dopo alcune riunioni si forma  l’Atto Costitutivo denominato “ICFPT Conference” che instaura il Governo di Trieste.

Anche dopo questo importante passaggio nascono dissapori e contestazioni che sfociano in qualche dissociazione, ma il Governo continua il suo lavoro e augura al Territorio Libero di Trieste a tutte le Associazioni e al suo popolo una prosperosa crescita culturale ed economica.


P.S. Se vuoi aiutarci il primo passo importante che puoi fare è iscriverti alla Anagrafe.