Atto Costitutivo Congress

ATTO COSTITUTIVO

del

INTERNATIONAL COMMITTE FREE PORT OF TRIESTE ASSOCIATIONS

Congress

     

Il giorno 3 settembre 2016, alle ore 16.00, in Piazza Nicolò Tommaseo 4c, a Trieste, si sono riuniti i cittadini del Territorio Libero di Trieste, rappresentati dalle Associazioni:

  • Territorio Libero , con il Presidente Antonio Furlan,

  • Fronte per l’indipendenza del Territorio, con il Presidente Giorgio Marchesich ed il

  • Comitato per il Porto Libero di Trieste/ICFPT, con il Presidente Marcus Donato;

  • con la partecipazione di altri esponenti dell’indipendentismo Triestino, i quali precisavano la loro partecipazione come simpatizzanti alla Federazione,

  • e dai rappresentanti del Governo Italiano, a puro titolo informativo, che filmavano e registravano i partecipanti alla riunione ed i contenuti espressi.

La riunione era stata convocata per discutere e deliberare su:

  1. Analisi situazione politica sull’affermazione dei diritti dei triestini

  2. Proposta di unificazione d’indirizzo

L’Adunata è stata aperta congiuntamente dai Rappresentanti delle tre Associazioni che hanno, ognuno, succintamente illustrato lo stato di fatto delle iniziative che le rispettive Associazioni avevano in essere, e con questo ponendo l’attenzione sul riaffermare la volontà di tutti i triestini di veder finalmente riconosciuto il diritto all’autonomia, quale territorio internazionale, sotto il controllo delle Nazioni Unite, su i Territori che fin dalla 16° Risoluzione e dal Trattato di Pace del 1947, sono stati riconosciuti, dalla Comunità Internazionale, come territori abitati dai propri cittadini e governati dagli stessi, con propri Rappresentanti e proprie leggi, sempre e comunque rispettose del diritto e della giurisdizione dei Paesi Limitrofi, nel comune riconoscimento della necessaria appartenenza ad un territorio al servizio della propria comunità – già in regime di porto franco dal 1735 – e delle economie dei Paesi Limitrofi.

L’analisi della situazione ha posto all’evidenza, inoltre, visto lo stallo di tutte le procedure finora avviate, configurando quindi una previsione di tempi lunghi per il raggiungimento degli obiettivi lungamente attesi, e confermando la comune volontà di unire gli sforzi, senza rinnegare quanto ognuno singolarmente aveva fatto, hanno trovato un fattore di comune interesse nella Costituzione di una Entità Giuridica, che raccogliesse tutte, nessuna esclusa, le aspettative di ognuno dei rappresentati, variamente e politicamente espresse.

Dopo ampia ed esaustiva discussione, alla quale hanno tutti indistintamente partecipato, l’Assemblea, all’unanimità ha deliberato di unificare gli sforzi con la creazione di un nuovo ed unico soggetto giuridico in grado di unificare – per realizzare – tutte le iniziative fino ad oggi intraprese e nel contempo di rappresentare per il futuro le volontà delle tre Associazioni, unite nel contesto della Comunità Internazionale, al fine di assumere la Responsabilità della Gestione Giurisdizionale e del Processo Decisorio, per l’affermazione delle speranze e dei diritti dei cittadini del TLT, e del successivo Governo, senza con questo rinunciare alle singole peculiarità associative, che singolarmente possono continuare ad essere esercitate in favore dei propri associati.

La nuova Organizzazione sarà comunque l’unica che Rappresenterà, nel contesto internazionale, le aspettative e le esigenze del TLT.

L’Assemblea inoltre impegna i tre Presidenti a rappresentare nel Governo del nuovo soggetto giuridico, pariteticamente, le istanze di ognuna delle associazioni partecipanti.

Redatto, letto e sottoscritto

Redatto, letto e sottoscritto in Trieste il 3 settembre 2016.


P.S. Nota susseguente ai fatti. Dissociazione dal Governo. leggere qui